Non arriva diaria,rinchiudono operatrice

Protestano per il ritardo di un paio di mesi nell'arrivo del cosiddetto 'pocket-money', la 'paghetta' quotidiana di 2,50 euro e, per far sentire il loro malcontento, chiudono a chiave in una stanza un'operatrice di una struttura di accoglienza a San Benedetto in Alpe, cittadina dell'Appennino forlivese. Protagonisti della vicenda - come riporta la stampa locale - due richiedenti asilo nigeriani di 25 e 21 anni. I fatti risalgono alla prima mattinata di ieri quando i due giovani hanno chiuso in una camera una un'addetta della cooperativa 'Acquacheta' cui fa capo la gestione dell'immobile che ospita 26 richiedenti asilo di diverse nazionalità. La donna, con il suo telefono cellulare è riuscita a avvertire i suoi superiori i quali, a loro volta, hanno avvertito i Carabinieri: alla vista degli agenti il 21enne e il 25enne hanno aperto la porta e liberato la donna dopo circa un quarto d'ora. La dipendente della cooperativa sotto choc, non ha subito alcun tipo di violenza.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Reggio Sera
  2. Gazzetta di Reggio
  3. Gazzetta di Reggio
  4. Reggio Sera
  5. Bologna 2000

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Casalgrande

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...